Call Me Sewra (Maybe)…

School Time!

Quante cose sono successe in questi giorni di assenza dal blog.
Una su tutte:

La Saruccia ha incominciato la sua avventura scolastica inglese.

Felicità da parte sua, che si era evidentemente stufata di restarsene a casa, con l’unica compagnia del suo esercito di pelouches.
Sollievo, per la sottoscritta.
Che si, è mia figlia e le voglio bene.
Ma la convivenza forzata giornaliera 24 ore su 24, senza un minuto di pausa mi stava portando verso la deliranza allo stato puro.


E preoccupazione.
Perchè, non neghiamolo.
Lei sarà pure una bambina espansiva, sorridente, che fa amicizia con tutti, che si butta nelle cose senza timore.
Ma la lingua non la padroneggia. Non ancora.
E ha fatto un salto di un anno scolastico.
Che significa rincorrere il resto della classe per i primi mesi.
Ma ci siamo comunque preparati per un inizio in positivo.


Partendo dall’elemento più frivolo della faccenda: l’acquisto della divisa.
Poi ci siamo occupate anche delle cose serie, mica siamo così superficiali :)
Ed è arrivato il giorno del tour guidato della scuola con la Preside che ci spiegava per filo e per segno come funzionava.
Ci è stata presentata la sua insegnante.
Abbiamo visto le due biblioteche, l’aula di computer, quella di arte, la sala di musica, la mensa.
Giusto, la mensa.
Che, dopo aver sentito in giro cose terribile sulle mense inglesi (nonostante la food revolution del buon Jamie Oliver), ci eravamo anche attrezzati con un lunchbox gufoso.
E invece la preside ci dice che la mensa è gratuita.
Io allora chiedo alla Saruccia se vuole provare. Se proprio non le piace si va di lunch box. Risposta affermativa (e per la cronaca: mangia tutto tutto tutto…).

E così il giorno successivo si inizia.
Che a me fa così strano tornare sola sul bus.
Ritrovarmi nella casa vuota e silenziosa.
Sento anche un filino di nostalgia.
(non mi accontento mai, vero?).
E poi torno a prenderla.
E la maestra mi dice che è stata bravissima, che cerca sempre di parlare, anche se non conosce tutte le parole (eh, vedrai quando inizia a parlare spedita se non ti lamenti…).


E che sorride sempre.
E mette allegria.

Per festeggiare la porto a prendere una cioccolata calda.
E, al tipo del caffè, nostro amico, dice:

Comunque da oggi il mio nome si pronuncia SEWRA, non Sara…perchè fa più inglese!!

Non c’è che dire.
Lei, a Londra, ci sguazza davvero come un’anatra nello stagno!

Informazioni su questi ad

One thought on “Call Me Sewra (Maybe)…

  1. E’ bellissima con la divisa. E sono contenta che finalmente sia riuscita ad iniziare la scuola, vedrai che se la caverà benissimo, è in gamba come la sua mamma.

Mi lasci un commento?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...